La società delle api vive sui favi dell'alveare dove ogni individuo ha un ruolo ben preciso. La regina è una femmina fertile e si distingue dalle operaie per il suo addome più lungo e voluminoso, inoltre, è sempre circondata dalle api nutrici ed il suo lavoro è quello di deporre le uova. Il fuco è il maschio ed è senza pungiglione, il compito è quello di fecondare la regina. L'ape operaia è una femmina sterile che provvede a tutte le necessità dell'alveare.

La pulizia delle celle e dell’alveare è il primo lavoro che le operaie svolgono nella loro vita. Le api si dedicano poi alla cura della regina, delle larve e al servizio di immagazzinamento delle provviste di miele e polline. Le api ventilatrici regolano la temperatura nell'alveare e fanno evaporare l'umidità in eccesso dal miele in maturazione. Le api guardiane sono ben disposte a sacrificare la loro vita per la salvaguardia della colonia.

La bottinatrice ha il compito di raccogliere sui fiori polline e nettare. Appena rientrata al nido la bottinatrice depone il polline nelle celle mentre il nettare viene consegnato ad altre api che lo trasformeranno in miele. Quando il miele è maturo la cella viene sigillata dalle api con un tappo di cera detto opercolo.

La regina dopo aver controllato la cella vi depone un uovo, che si schiuderà dopo tre giorni. Le larve appena nate vengono nutrite dalle api nutrici con pappa reale per i primi tre giorni, poi con polline e miele. Alla fine dell' 8°giorno la cella viene chiusa con un opercolo di cera, la larva matura fila il suo bozzolo per iniziare la sua metamorfosi in ape. All'interno della pupa i tessuti della larva si trasformano in quelli dell'ape adulta.

Il 21° giorno l'insetto adulto uscirà finalmente dalla cella. L'ape operaia è ora pronta per assumere i suoi compiti nell'alveare. In primavera le api allevano nelle celle reali le nuove regine.

Pochi giorni prima che queste sfarfallino la colonia si divide:
- la vecchia regina insieme alle api più anziane, dopo essersi rimpinzate di miele, sciamano lasciando l'alveare;
- le api dello sciame si fermano su di un grosso ramo attendendo che le esploratrici trovino un luogo adatto per fondare una nuova colonia.

Nell'alveare, intanto, dalle celle reali sfarfallano le nuove regine, ma sarà una sola a prendere possesso dell'alveare. Alcuni giorni dopo la giovane regina uscirà per il volo nuziale dove sarà fecondata dai fuchi ed inizierà, poi, a deporre le uova. L'ape conclude la sua vita sui fiori, dove in un rapporto di reciproco scambio riceve polline e nettare assicurando alle piante l'impollinazione incrociata. Ogni fiore un colore, ogni fiore un tipo di polline, ogni fiore un tipo di nettare e quindi un tipo di miele.

Prodotti in Vetrina